Terra Madre Salone del Gusto formula 2016 – Voler bene alla terra

terra madre 2016-3

Nel suo ventennale Terra Madre Salone del Gusto invade Torino e con mese di anticipo rispetto alle edizioni precedenti. Organizzata da Slow Food con Regione Piemonte e Città di Torino, dal 22 al 26 settembre la rassegna ridisegna la mappa di Torino in una simbolica “chiocciola”, che dal suo centro – il Parco del Valentino – coinvolge tutte le sedi cittadine più rappresentative con un ricchissimo programma di eventi. Sede della prima Esposizione Universale del 1911, il Parco del Valentino ospiterà nei suoi viali il Mercato italiano e internazionale, con oltre 1000 produttori. Al Borgo Medievale i laboratori per adulti e bambini organizzati da Slow Food Educazione, mentre al Castello si terranno i Forum di Terra Madre. Quartieri, piazze e palazzi accoglieranno le molteplici iniziative tutte ad ingresso libero del Salone. Palazzo Reale, splendido rappresentante delle Residenze Reali, ospiterà l’Enoteca mentre i Laboratori del Gusto saranno dislocati in diverse sedi quali la Mole (Museo Nazionale del Cinema), il Circolo dei Lettori e Eataly. Il ricchissimo e articolato programma prevede conferenze e incontri al Teatro Carignano e appuntamenti nelle principali istituzioni culturali cittadine: il Museo Egizio, la GAM (Galleria di Arte Moderna) e il MAO (Museo di Arte Orientale). Lungo il Po, i Murazzi di recentissima ristrutturazione ospiteranno lo streetfood e gli artigiani della birra. Fuori città, il programma coinvolge alcune prestigiose sedi della Corona di Delizie: il Castello di Rivoli, la Margaria e le Cucine del Castello di Racconigi, mentre alla Reggia di Venaria Reale sarà visitabile il “Potager” più grande d’italia, che forniva primizie gastronomiche a casa Savoia. Dulcis in fundo, l’Agenzia di Pollenzo (CN), sede della Scuola di Scienze Gastronomiche e della Banca del Vino. Il Salone 2016 conferma la duplice vocazione di Torino Città del cibo e città dell’accoglienza. Il cibo unisce ed e’ chiave di promozione e sviluppo culturale e solidarietà sociale,  come ha ribadito Carlo Petrini, artefice del movimento attivo da oltre 30 anni, invitando tutti i cittadini ad ospitare anche quest’anno i delegati delle Comunità del Cibo in arrivo dai 5 continenti. Qui tutte le informazioni e il programma completo.

 

Comments are closed.